Blog

Warner Estate. La stupenda villa di Jeff Bezos

Warner Estate. La stupenda villa di Jeff Bezos

Warner Estate. La stupenda villa di Jeff Bezos

Jeff Bezos, noto per essere il fondatore di Amazon ed uno degli uomini più ricchi al mondo, continua a stupire per i suoi acquisti di case di lusso sparse per tutti gli Stati Uniti.

Infatti, ciò che molti non sanno, è che Bezos è un appassionato del mondo Real Estate. Dopo essersi aggiudicato tre palazzi accorpati a New York, per un valore totale di 80 milioni di dollari, a catturare la sua attenzione è stata la lussuosissima Warner Estate, una villa coloniale sulle colline di Beverly Hills, a Los Angeles, che Bezos ha acquistato per la “modica” cifra di 165 milioni di $.

Grazie a questo acquisto, la Warner Estate diventa la transazione immobiliare più alta nelle aree residenziali di Los Angeles, superando quindi il precedente record di 150 milioni di dollari spesi nel 2019 da Lachlan Murdoch, figlio di Rupert, per acquistare la proprietà Chartwell a Bel-Air.

Warner Estate: la storia

La villa, che esternamente ricorda vagamente la White House, è stata rinominata Warner Estate poichè fu costruita nel 1937 per il co-fondatore e allora presidente della Warner Bros Jack Warner.

L’ex proprietario è invece David Geffen, co-fondatore della DreamWorks, che l’ha acquistata nel 1990 per 47.5 milioni di dollari.

Chiamarla “villa” è riduttivo: questa meraviglia architettonica si estende per oltre tre ettari e mezzo e ha un complesso di piscine, un campo da golf e uno da tennis, oltre ad un percorso per fare jogging che circonda tutta la villa.

Circondato da un parco privato, l’edificio principale, di oltre 1200 mq e con all’interno ben 20 camere da letto, è ornato sulla facciata da sei colonne in stile georgiano. Al fianco della struttura principale, ci sono due case per gli ospiti, una nursery e tre serre. Inoltre, il cortile anteriore può contenere fino a 30 automobili.

Non solo lusso…gli interni sono ricchi di storia!

Nell’interno, è presente il pavimento di legno sul quale si dice che Napoleone abbia chiesto la mano dell’imperatrice Giuseppina nel 1796.

Nella sala da pranzo, resa accogliente da un delizioso camino ed arredata con mobili antichi e con un tavolo attorno al quale possono stare seduti oltre 25 commensali, le pareti sono ricoperte da carta da parati francese risalenti al XIX secolo.

Tra le altre cose, nella villa è presente una sala cinema arredata con colonne antiche e dotata di proiettori nascosti dietro a un pannello attivabile muovendo la testa di una statua di Buddha, ed un bar in stile messicano con un maestoso lampadario del 1820.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Related Posts

Confrontare

Enter your keyword