Blog

Bonus Casa 2021 Under 36. Come ottenerlo

Bonus Casa 2021 Under 36. Come ottenerlo

Bonus Casa 2021 Under 36. Come ottenerlo

Per sostenere i giovani nell’acquisto del loro primo immobile, con il decreto sostegni bis il governo ha introdotto importanti agevolazioni per il mutuo sulla prima casa, rivolte ai cittadini di età inferiore ai 36 anni.

Il governo, infatti, ha stanziato oltre 500 milioni di € (per la precisione 290 milioni per il 2021 e 250 milioni per il 2022) per un’espansione del Fondo di Garanzia per la prima casa, per incentivare i cittadini a comprare la prima casa, ponendo diverse agevolazioni tra le quali la garanzia dello stato fino all’80% del mutuo.

Scopriamo insieme come presentare la richiesta di accesso al bonus e quali sono i requisiti necessari per poter fare domanda.

Bonus Casa: cosa prevede?

Con il nuovo Bonus Casa, il governo ha previsto lo stanziamento di fondi volti a coprire le seguenti agevolazioni

  • garanzia dello Stato fino all’80% del mutuo, per mutui con tetto massimo di 250.000 €
  • esenzione dal pagamento dell’imposta catastale
  • esenzione dal pagamento dell’imposta ipotecaria
  • esenzione dal pagamento delle imposte di registro

La garanzia dello stato sul mutuo è sicuramente la principale forma di supporto, ma anche le esenzioni dal pagamento delle varie imposte (catastale, ipotecaria e quelle di registro) non sono un aiuto da poco: infatti queste tre esenzioni comportano un risparmio complessivo di 100 € per i canoni fissi (ipotecari e catastali) e del 2% del valore catastale dell’immobile per l’imposta di registro.

Bonus Casa: a chi si rivolge?

Chi può usufruire del bonus? L’incentivo è disponibile per:

  • coppie sposate, in cui almeno uno dei due partner abbia meno di 36 anni
  • coppie conviventi da almeno due anni, con almeno un componente della coppia sotto ai 36 anni
  • famiglie monogenitoriali, sempre di età inferiore ai 36 anni

Il limite di età è da intendersi riferito all’atto del rogito notarile o in alternativa alla stipula del contratto di nuda proprietà o di quello di usufrutto.

Per famiglie monogenitoriali, si intendono tutte quelle persone che hanno figli minori a carico e che dal punto di vista civile sono separate, divorziate, vedove, non coniugate o comunque non conviventi con l’altro genitore.
Ma basta avere meno di 36 anni? Per poter presentare domanda occorre anche:

  • avere un ISEE con valore inferiore a 40.000 € annui, a prescindere dalla tipologia di lavoro svolta
  • non essere già proprietari di altri immobili (il bonus è rivolto a coloro che intendono acquistare la loro prima casa)

Per quanto riguarda il secondo punto, però, è importante osservare che costituiscono eccezione gli immobili avuti in successione (anche in co-proprietà) o in uso gratuito da famigliari diretti (genitori e fratelli).

Resta inteso, come abbiamo visto, che l’importo complessivo del mutuo ipotecario non deve essere superiore a 250.000 €.

In particolare, per le categorie aventi priorità, con ISEE inferiore a 40.000 € annui, che ottengono un mutuo di importo superiore all’80% del prezzo d’acquisto dell’immobile, comprensivo di oneri accessori, la misura massima della garanzia concedibile dal Fondo è elevata all’80% della quota capitale.

Per coloro che, pur rispettando i requisiti di accesso al Fondo, hanno un ISEE superiore a 40.000 € annui, la garanzia resta al 50% della quota capitale.

Quali immobili è possibile acquistare con il Bonus Casa?

L’immobile scelto, come abbiamo visto, dovrà essere ad uso abitativo principale e dovrà essere sito sul territorio nazionale italiano.

Il Decreto stabilisce alcuni paletti sulla scelta della casa da acquistare, a seconda della categoria catastale della stessa, prevedendo l’esclusione dal Bonus Casa per le seguenti tipologie di immobili:

  • A1 – residenze di tipo signorile
  • A8 – ville
  • A9 – castelli e palazzi di rilievo storico e/o artistico

Non sono state invece stabilite limitazioni per quanto riguarda il numero di locali o la metratura. Per accedere alla garanzia, inoltre, è necessario inoltre che l’acquisto dell’immobile rientri nelle seguenti tre tipologie:

  • semplice
  • con ristrutturazione (classe energetica)
  • con accollo da frazionamento

Come richiedere il Bonus Casa

La domanda di accesso al Bonus Casa, va compilata e presentata direttamente alla banca o all’ente che eroga il mutuo.
Le domande potranno essere presentate alle banche aderenti all’iniziativa, fino al 30 Giugno 2022. Una volta fatta la richiesta, la Consap ha 20 giorni di tempo per dare il via libera alla banca per l’accesso al Fondo. Dopodichè. l’ente ha a sua volta 90 giorni per comunicare alla Consap se accetta o meno di erogare il mutuo.

Comprare casa. Un sogno che si avvera

Grazie al Fondo di Garanzia, comprare casa è più facile. Noi di Gaiezza Real Estate, grazie alla nostra partnership con Affida, ti supportiamo in tutto il processo di compravendita e nell’ottenimento del mutuo. Dai un’occhiata ai nostri immobili, e trova la casa perfetta per te! Al resto ci pensiamo noi 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Related Posts

Confrontare

Enter your keyword